Sfrattato, si barrica in casa e minaccia di farsi saltare in aria. Dopo 2 ore si arrende

Fonte http://torino.repubblica.it

Mattinata di paura a Cascine Vica, in un condominio di  case popolari in  via Tevere 8.  Un uomo si è rinchiuso nell’alloggio con tre contenitori di benzina. Dopo due ore si arrende con la promessa di una nuova sistemazione.

di MEO PONTE

Angelo Cinelli, 43 anni, dopo aver ricevuto lo sfratto dall’Atc, si è barricato per un paio d’ore nel suo alloggio di Cascine Vica, alla periferia di Torino, in via Tevere 8 con la minaccia di farsi saltare in aria con tre contenitori dibenzina. Su posto sono arrivati la polizia, cinque squadre dei vigili del fuoco, uomini del 118 e il sindaco di Rivoli, Franco Dessì.

Il commissario Pozza ha avviato la trattativa con lo sfrattato che dopo alcune ore ha consegnato le taniche di benzina che aveva già sparso sul pavimento con accanto un accendino. In cambio ha ricevuto la promessa di una nuova sistemazione a Cascine Vica. Temporaneamente verrà sistemato in un ostello.
L’appartamento di via Tevere in cui l’uomo viuveva  era in realtà  assegnato ai suoi genitori. La madre è morta tempo fa e il padre nel 2009, quando l’agenzia pubblica ha fatto partire le procedure per tornare in possesso della casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *