Nichelino: via Artom non si arrende!No allo sfratto di Massimo e Rosy

basta-sfratti-su-un-tram-a-torinoMassimo e Rosy abitano in via Artom da tutta una vita e la loro storia potrebbe somigliare a quella di molti che ancor oggi vivono in quartiere.

Per anni la coppia ha vissuto nelle popolari, in via Artom 81/14, a casa della sorella di Rosy, che negli ultimi tre anni è dovuta andare ad assistere il figlio fuori città. Improvvisamente Rosy e Massimo, che sempre hanno pagato con regolarità affitto e spese, si sono visti aumentare l’affitto da circa 100 a 320 euro al mese.

Entrambi senza lavoro, Rosy vittima di due incidenti e costretta all’inattività per problemi di salute, non sono stati ovviamente in grado di pagare questa somma, troppo elevata per chi è senza un reddito fisso. Così ATC ha mandato loro lo sfratto.
Dopo tre anni di residenza in quell’appartamento, l’affitto e le spese sempre pagati e il consenso della sorella intestataria, è così che ATC li ha trattati. Massimo e Rosy però non si sono arresi a questo stato di cose e dopo un lungo percorso di richieste negate hanno fatto causa al Comune di Torino.


Il Comune di Torino è esattamente il primo responsabile dei problemi di chi vive in questa zona. Dopo la “riqualificazione” (se così si può chiamare) per le Olimpiadi 2006, gli abitanti di via Artom hanno visto cambiare drasticamente il loro quartiere: case popolari buttate giù per costruire nuovi palazzi a canoni calmierati (come il “Palazzo Nuovo”), nuovi spazi commerciali aperti (le vetrate) mai utilizzati, ASL e Poste sparite, servizi di traporto che peggiorano e il quartiere di nuovo abbandonato a se stesso.

Ma le promesse del Comune erano state ben altre: CASA e LAVORO per tutti i residenti di Via Artom. Promesse che ovviamente non sono state mantenute e che anzi hanno peggiorato la qualità della vita di tutti i residenti, che siano essi ragazzi, anziani o famiglie. Non è difficile sentire i commenti di chi abita qui da un po’ che dice: “Si stava meglio prima”.

Come Comitato di quartiere Mirafiori e Sportello Prendocasa Torino, abbiamo accolto la richiesta d’aiuto di Massimo e Rosy e stiamo organizzando un picchetto per evitare che vengano sbattuti in mezzo alla strada. Chiediamo a tutti gli abitanti della zona di passare a portare un po’ di solidarietà alla coppia per ricreare quel clima di comunità e aiuto reciproco che è sempre stato forte nel quartiere.

VI ASPETTIAMO MERCOLEDI’ 14 GENNAIO ORE 8.30 DEL MATTINO, IN VIA ARTOM 81/14, PER AIUTARE ROSY E MASSIMO A NON USCIRE DI CASA. AD ASPETTARVI CI SARA’ ANCHE LA COLAZIONE OFFERTA DAL COMITATO DI QUARTIERE MIRAFIORI!

 

da ComitatodiQuartiereMirafiori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *