Torino, anno nuovo stessa storia: arresti e misure per aver resistito ad uno sfratto

Questa mattina, 3 gennaio 2017, ci siamo trovati a dover affrontare la notizia di alcune misure cautelari ( tra queste addirittura due detenzioni in carcere e un arresto domiciliare) a scapito di alcuni militanti ed attivisti del collettivo Prendocasa e più in generale a scapito di persone generose che contribuiscono a portare in luce, riuscendo talvolta ad evitare, gli innumerevoli sfratti presenti nella città di Torino.
Queste misure preventive in particolare sono state richieste per la resistenza allo sfratto di Said e della sua famiglia (nucleo con tre minori).
Era il 14 di Ottobre (circa tre mesi fa), quando alcuni sgherri del noto palazzinaro Giorgio Molino insieme ad un ingente numero di forze dell’ordine hanno eseguito lo sfratto a sorpresa (pluricitato articolo 610). In quell’occasione furono moltissimi i solidali accorsi e ci fu una resistenza attiva partecipata da gran parte del quartiere.
La famiglia risiedeva da anni in corso regina 51, non potendo più pagare l’affitto a causa della crisi impellente si rivolse allo sportello ed iniziò il percorso di resistenze e picchetti che ha fatto conoscere la storia di emergenza in tutta Vanchiglia.
Quel 14 Ottobre l’infamia del ras delle soffitte (Giorgio Molino) si era superata, quando alcuni suoi adepti avevano fatto incursione nell’abitazione della famiglia sotto sfratto, distruggendo tutto quello che si parava loro davanti (per fortuna i bambini erano a scuola!)! I brutti ceffi, ascoltando la sola “legge dell’immobile libero”, avevano iniziato a portare via oggetti di proprietà di Said e ad eseguire lo sgombero dell’appartamento, il tutto con la tacita connivenza del comune e della questura; infatti in loco non erano presenti né l’ ufficiale giudiziario, né i servizi sociali, ovvero gli organi di competenza in questi casi (l’uno per far sì che l’esecuzione avvenga, gli altri per i minori in carico). In seguito allo scempio appena raccontato erano accorsi i molti solidali, (alcuni militanti del centro sociale Askatasuna, vicinissimo all’appartamento, alcuni ragazzi dello sportello Prendocasa, giovani e meno giovani del quartiere tutto); quindi era giunta la polizia che attraverso l’impiego di numerosi blindati aveva paralizzato corso Regina Margherita (nodo centrale della nostra città).
Quello che è successo successivamente, quello per cui otto persone sono inquisite (alcune addirittura rinchiuse alle Vallette) sono atti di resistenza e di denuncia a questo scempio! Da una parte vi era la famiglia di Said, ancora una volta isolata, ma che non voleva perdere la dignità, il diritto ad un’esistenza migliore; dall’altra la polizia a difesa del ricco palazzinaro Giorgio Molino, il silenzio delle istituzioni, la non voglia di risolvere i problemi che soffocano la città sabauda(tra questi l’emergenza abitativa appunto).
Ci chiediamo come sia possibile che procura e magistratura continuino a firmare insensate richieste di detenzione?
Le volontà sono ancora una volta politiche. Troppo comodo è mantenere questo stato di cose, dove in pochi continuano a mangiare sulle teste dei molti che hanno pochissimo.
Quel 14 Ottobre Said fu sbattuto fuori di casa. Dopo una notte di testimonianza, passata al gelo, fuori dalle mura del comune di Torino, ancora adesso attende una soluzione.
Quello con cui ci troviamo a fare i conti è un infame atto repressivo nei confronti di persone generose, le quali non credono che la soluzione sia nascondere la testa sotto la sabbia e fare finta di nulla!
Chiediamo la libertà immediata per tutti quelli che quel giorno hanno resistito al fianco di Said, che altre volte si sono trovati a chiedere spiegazioni a chi, in teoria, dovrebbe essere responsabile e stipendiamo attraverso le tasse che cerchiamo di pagare.
La risposta all’emergenza abitativa non può essere né di ordine pubblico, né risolta attraverso atti repressivi contro chi cerca di portare in luce determinate questioni.
Vogliamo una casa per Said, per tutti e tutte!
Chiediamo che l’articolo 610 venga eliminato e quindi chiediamo il blocco degli sfratti, degli sgomberi e dei pignoramenti!
Gridiamo a gran voce: libertà per Donato e Stefano detenuti alle Vallette e per Riccardo agli arresti domiciliari!
Libertà per Stella, Valeria, Mattia, Forgi e Cecca sottoposti all’obbligo di presentazione quotidiana alla Pg (richiesta fatta anche per Donato e Riccardo..addirittura due misure? ).
Basta con questi continui attacchi contro chi lotta per un tetto ed una dignità per tutti e tutte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *